Un marocchino condannato a sei anni per incitamento alla jihad

42

DA :Mohamed SMAHA- Belgio.

Gli investigatori hanno detto che faceva parte di una cellula estremista che si diffonde attraverso le attività Internet di Al Qaeda e altre organizzazioni terroristiche.

 

Il giudice italiano ha condannato il Martedì 25 novembre un marocchino a sei anni e due mesi di carcere per la trasmissione di Internet di “propaganda jihadista” e “incitamento a commettere atti terroristici in Europa e nei paesi musulmani considerati apostati” , riporta EFE.

In un comunicato stampa ripreso da diversi media, il Ministero degli Interni italiano ha identificato il prigioniero come un uomo di nome Abderrahim El Khalfi, 38. Quest’ultimo è stato arrestato dalle autorità italiane a Roma nel luglio 2015 e successivamente è stato accusato di associazione con il terrorismo internazionale. Gli investigatori hanno detto che fa parte di una cellula estremista che si diffonde attraverso le attività Internet di Al Qaeda e altre organizzazioni terroristiche.

Secondo la stessa fonte, il Marocco è considerato un “reclutatore e formatore di aspiranti combattenti.” “In particolare, ha contribuito a creare una pagina web in cui ha pubblicato la propaganda jihadista, le istruzioni per fare veleni e incoraggiato a compiere atti terroristici in Europa e nei paesi islamici considerati apostati”, conclude il comunicato

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.